Il piano triennale per il digitale per i cittadini normali

 

 

 

 

 

 

*A cura di Daniele Scasciafratte, vice presidente di Industria Italiana del Software Libero.

 

Ho iniziato a leggere il documento (pubblicato a maggio 2017 mentre siamo ad ottobre 2017) che personalmente ho trovato troppo prolisso (319 pagine di pdf), ma fortunatamente c’è la versione web quindi questa analisi permetterà di analizzare le cose che interessano i singoli cittadini più velocemente secondo la mia opinione.
Hanno realizzato questa bellissima bacheca per avere dei dati ma non include i dati di questo piano perché è difficile tracciarli tutti.

La sezione 1 e 2 introducono chi ha partecipato al documento e quali saranno le parti in causa di quanto definito e ci sono molti enti pubblici come ministeri o regioni.

Voglio evidenziare:

Il Piano deve indirizzare una realtà complessa con livelli di delega di competenze e di capacità operativa molto diversificate, e caratterizzata da elevata frammentazione [4]:

* 32.000 dipendenti pubblici nell’ICT, di cui circa 18.000 nelle Pubbliche amministrazioni centrali (PAC) e 14.000 nelle Pubbliche amministrazioni locali (PAL), a cui si aggiungono circa 6.000 dipendenti delle società in house locali e più di 4.000 nelle società in house centrali;
* stima di circa 5,7 miliardi di Euro di spesa esterna ICT;
* stima di circa 11.000 data center delle Pubbliche amministrazioni;
* circa 160.000 basi di dati presenti nel catalogo delle basi di dati della Pubblica amministrazione di AgID e oltre 200.000 applicazioni che utilizzano tali dati secondo quanto rilevato dal censimento svolto su 13.822 Amministrazioni; la precisione di questi dati non è tanto importante quanto le dimensioni che sottolineano la complessità del problema;
* oltre 25.000 siti web.

Questi dati fanno paura ma ci permettono di prendere sul serio il fattore “mamma mia quanto è lungo questo documento” visto che non deve essere facile mettere mano a tutto questo.

Le varie sezioni sono organizzate con tre punti: Scenario attuale che fa una panoramica molto dettagliata, Obiettivi strategici ovvero cosa bisogno fare, Linee di Azione il punto più importante.

Finalmente si parla di Azione riguardo il mondo digitale da parte dello stato!

La sezione 3 diventa veramente interessante e si parte con la questione hardware e dove posizionare i dati.

Si parla di razionalizzare e di abbandonare silos dove non c’é possibilità di intervento perché si usano soluzioni terze.

Per un piccolo approfondimento su questo ultimo punto vi lascio questa intervista a Flavia Marzano.

Vediamo di vedere velocemente la sezione 3 per i livelli di azione:

  • Censimento del patrimonio ICT che inizia a giugno 2017 e finisce a dicembre 2018 con rapporto del censimento a dicembre 2017 e poi ogni 6 mesi.
  • Criteri per i Cloud Service Provider entro ottobre.
  • Criteri per fornitori di SaaS da fare tra AgID e Consip.
  • Razionalizzazione dei data center delle PA con diversi documenti con una guida per le migrazioni e la definizione dei vari poli strategici con la loro costituzione e adeguamento.
  • La pubblicazione di linee guida per la creazione di wifi pubbliche per http://wifi.italia.it/ e la qualità che devono fornire.

La sezione 4 è dedicata alle infrastrutture immateriali ovvero quei servizi o banche dati che ci dovrebbero semplificare la vita come cittadini ma dalla nostra esperienza (ognuno di noi ha storie a riguardo) non lo sono.

Vengono citate le piattaforme:

E le banche dati:

  • Banche dati di interesse nazionale come il Casellario giudiziale o il registro delle imprese oppure la famosa ANPR.
  • Open data.
  • Vocabolari controllati (mai sentiti), un indice dei codici e nomenclature utilizzati ricorrentemente all’interno della PA.

Analizziamo le linee di azione:

  • Utilizzo della PEC all’interno delle PA (perché come ben sappiamo questo non succede ovunque ma evitiamo di commentare la PEC di per sé).
  • Un elenco delle basi dati di interesse nazionale già pubblicato disponibile su http://pianotri-schede-bdin.readthedocs.io/en/latest/. Mi ha permesso di scoprire che esiste un Indice nazionale indirizzi PEC che permette di fare ricerche utilizzando obbligatoriamente diversi dati come codice fiscale e altro ma non esporta un dataset (mi stavo immaginando gli spammer) oppure il mancante Catalogo dei Servizi pubblici che non è ancora disponibile.
  • Integrazione tra dati territoriali e http://www.dati.gov.it/ previsto per dicembre 2017.
  • La realizzazione di http://servizi.gov.it (citato poco fa) previsto per giugno la raccolta dati.
  • Popolamento di ANPR che vuol direi integrazione dei dati dalle anagrafico comunali e Sogei. Una rivoluzione prevista per la fine di dicembre 2018
  • Linee guida per questi dati (per evitare https://forum.italia.it/t/problemi-con-lettere-accentate-nei-nomi/1184/2).
  • Evoluzione di dati.gov.it con la realizzazione di API e monitoring dello stato delle varie PA con il suo popolamento.
  • Normalizzazione dei dati usando questi vocabolari definiti, un punto molto importante.
  • Integrazione con SPID riferita alla sua integrazione nei servizi online delle PA solo che ci si riferisci a “tutti” prevista per marzo 2018.
  • Integrazione di PagoPA entro dicembre 2017 nei vari servizi che dovrebbero per legge usarlo.
  • Pianificazione di ComproPA e sua messa in funzione prevista tra settembre 2017 e ottobre 2018.
  • Fatture elettroniche secondo il formato europeo per novembre 2018.
  • Attivazione della CIE in tutti i comuni prevista per dicembre 2018.
  • Integrazione SPID e CIE/PagoPA per dicembre 2017.
  • Monitoraggio della implementazione di SPID da parte delle PA entro marzo 2018.

Ho preferito ignorare alcune cose altrimenti la sezione 4 non finiva più e ne rimangono ancora 7!

Passiamo alla sezione 5 dedicata ai Modelli di interoperabilità che é un fattore critico per un sistema come il nostro così frammentario e anzianotto.

Analizziamo velocemente le linee di azione:

  • Adozione del modello (da sviluppare entro dicembre 2017) per la interoperabilità.
  • Realizzazione catalogo della API per dicembre 2017 con il suo popolamento per il 2018.

Passiamo alla sezione 6 dedicata all’ecosistema per standardizzare e migliorare le comunicazione tra le varie parti. Le linee di azione sono poche perché sembra che è tutto in fase di creazione.

La sezione 7 sembra riferirsi a quello che il team per la trasformazione digitale sta già facendo con https://designers.italia.it/ o https://developers.italia.it/.

Passiamo alla sezione 8 dedicata alla sicurezza che consiste in due punto come la riorganizzazione del dominio “gov.it” e regole tecniche che le PA dovranno adottare (a cura del CERT-PA https://www.cert-pa.it/ ).

Con la sezione 9 si passa allo studio per valorizzare il patrimonio informatico pubblico nazionale. Al momento è tutto in fasi di lavorazione e i primi risultati si vedranno per dicembre 2017.

Gestione del cambiamento è la sezione 10 che finalmente porta qualcosa di interessante ovvero di un sistema di monitoraggio previsto per marzo 2018. L’altro punto interessante è “Identificazione dei principali profili e azioni di promozione per la creazione di competenze digitali nella PA” che sembra dedicato per la ricerca di figure professionali che rientrano nel piano, il che fa ben sperare che la qualità vada migliorando.

Razionalizzazione della spesa ha attirato il mio sguardo e contiene alcune cifre:

spesa ICT effettuata da Sogei, INAIL e INPS, pari a circa € 1,1 Mld;
spesa di investimento delle Pubbliche amministrazioni, pari a circa € 1,2 Mld;
spesa corrente effettuata tramite Consip ed altri soggetti aggregatori, pari a circa € 1,4 Mld;
spese per la connettività, pari a circa € 0,15 Mld.
Ne deriva come risultato che la spesa corrente “aggredibile” ai fini della spending review è pari a circa € 1,7 Mld.

Invito a leggere il link per avere maggior informazioni come anche il risparmio preventivato (questa sezione non sembra molto prolissa) ma la nota interessante è dovuta alle licenze software e open source, che http://publiccode.eu/ possa aiutare a sbrigarsi?

Le sezioni 12 e 13 riguardano come mettere in opera il tutto per le PA e come realizzare progetti digitali nelle varie fasi.

Tutto questo è il piano digitale e come singoli cittadini cosa possiamo fare?

Sicuramente aspettare Dicembre 2017 e vedere cosa verrà rilasciato da AgID con il Team Digitale ed è già possibile farlo seguendo GitHub o le loro pagine social.

Certamente partecipare al forum è molto utile perché permette di parlare con le persone coinvolte e di avere risposte certe.

Per le PA cosa comporta? adeguarsi naturalmente alle varie specifiche dai risparmi alla riorganizzazione dei software e hardware oltre che di implementazione di regole interne come definito in questo corposo documento.

Cosa mi aspetto personalmente? Finalmente la CIE ovunque per pensionare la carta di identità cartacea e SPID facile da usare per gli sviluppatori. Per non dimenticare un anagrafica degna di questo nome!

E tu cosa aspetti?