Lo spirito d’innovazione continua!

Ho avuto la fortuna di guidare negli ultimi due anni l’associazione italiana di rappresentanza delle imprese e dei professionisti del software libero, l’unica che sia mai esistita.

Quando nel Luglio 2014 aprii il gruppo Facebook di Industria insieme a Carlo Vettore di Didotech, l’esigenza era quella di aggregare le nostre piccole realtà a nuove persone e aziende con una vision comune: un forte impegno per il software libero e competenze aziendali e informatiche di alto profilo.

Già nel Maggio del 2015, grazie all’impegno di Daniele Scasciafratte nel trovarci un’aula e di tutte le persone che poi sarebbero diventate soci e membri del direttivo, riuscimmo a incontrarci a Roma.

Seguì un anno pre-associativo, di conoscenza reciproca, sia umana che professionale, e finalmente il 09 Marzo 2016 fondammo ufficialmente l’Associazione Industria Italiana del Software Libero, presso la prestigiosissima sede del Luiss Enlabs.

Durante i due anni di presidenza dell’associazione, ho avuto modo di toccare con mano quanto realistici fossero gli obiettivi che ci eravamo prefissati con la firma dello statuto.

Anzitutto i numeri: l’industria ha associato una ventina di soggetti, tutti accuratamente selezionati da me prima dell’ingresso in associazione per valutarne le qualità morali e l’impegno nel software libero.

Il budget annuale gestito dall’associazione per la realizzazione dei propri obiettivi, è stato sempre inferiore al migliaio di euro.

Nonostante queste cifre ridotte, siamo riusciti ad organizzare Quattro Forum e due eventi del Linux Day, a presidiare in maniera professionale i social network, a realizzare un Vademecum sul Software Libero in Azienda, a dialogare formalmente con le istituzioni commentando il Terzo Piano di Open Government e l’agenda digitale, a costruire un patrimonio di connessioni umane e professionali che non sarà disperso.

Il tema della rappresentanza è il tema fondamentale sul quale voglio insistere: gli strumenti online oggi ci permettono di costruire con facilità dei contatti e di esprimere la nostra opinione, ma non possiamo illuderci che le società liquide che si formano online possano costituire delle relazioni stabili che abbiano un effetto significativo sulle politiche pubbliche.

Per avere un peso nel mondo reale è necessario contarsi, darsi delle regole, dialogare con le istituzioni avendo in mano delle precise deleghe da parte di aziende e persone che spingono per un obiettivo comune.

Viceversa, tutto rimane confinato nel campo delle opinioni online, valide giusto il tempo dell’aggiornamento del newsfeed di Facebook.

Darsi delle regole e avere un’organizzazione “formale” costa fatica, una fatica che poche persone nel 2018 vogliono sopportare.

E’ un tema che riguarda tutta la comunità italiana del software libero, non solo quella professionale.

Da parte mia termino il mio mandato biennale di presidente senza proporre una candidatura per un ulteriore mandato da presidente per tre motivazioni principali:

  • Non credo che con me alla guida l’associazione crescerà ulteriormente dal punto di vista numerico. L’attività di selezione in ingresso dei soci è un’attività che costa tempo e fatica, e limita naturalmente l’adesione di nuovi soci.

  • Le attività amministrativo – burocratiche dell’associazione, per quanto si parli di una piccola associazione, sono logoranti (il presidente è sempre e comunque il primo responsabile amministrativo di un’associazione).

  • 114: Se state parlando da un po’ di tempo, smettetela. [Nuovo Cluetrain Manifesto].

Rimetterò all’assemblea la mia disponibilità a ricoprire un ruolo meramente amministrativo quale Segretario o Tesoriere nel prossimo direttivo, qualora venisse giudicato necessario per garantire continuità all’associazione.

Alcune note per il prossimo direttivo e per la comunità che volesse impegnarsi sul tema della rappresentanza:

  • Quando la situazione politica si sarà stabilizzata, sarà importante “difendere” il portale pubblico Developers Italia, il suo codice sorgente condiviso su GitHub e la sua documentazione, il suo forum per commentare le politiche pubbliche.

  • Quando la riforma del terzo settore sarà completata, sarà importante studiarla per capire se e come può essere d’aiuto alla comunità del software libero, avevo scritto qualcosa qui.

Alcune note per la comunità “logorata” dalla rappresentanza:

  • Developers Italia è un gran bell’esempio anche da un punto di vista tecnico degli strumenti che servono ad una comunità professionale.
    Sento fortemente la mancanza di un forum discourse per far incontrare i professionisti italiani dell’open source.

  • Gli strumenti organizzativi digitali per incontri della comunità al di fuori delle associazioni che si occupano di “rappresentanza” si stanno evolvendo ad una velocità che metterà in crisi le associazioni nate per erogare “servizi”.

    Ad esempio ho scoperto da poco le Money Box di Paypal.

Chiudo con un invito a tutte le persone che credono che l’Italia sia un grande paese:

non è possibile avere una politica industriale senza padroneggiare le tecnologie informatiche che sono ormai lo strumento di base per il lavoro di ogni azienda.

Le multinazionali che vendono software proprietario, non sono di per se il male.

L’innovazione costa ed “importarne” un po’ è naturale in un mondo globale.

Più problematico non avere alternative o non padroneggiare alcun tipo di tecnologia.

Per questi motivi vi invito ad associarvi ad Industria, a candidarvi al direttivo e ad incontrarci al prossimo Merge di Torino.

Grazie a tutti quelli che mi hanno accompagnato in questi due anni, i membri del direttivo, l’Hacklab di Cosenza, gli associati, i partecipanti ai forum, gli sponsor e tutte le aziende che hanno contribuito.

Viva l’Italia e viva il Software Libero!

Marco Lombardo


Questo post è stato scritto a caldo, sono possibili errori, dimenticanze, ed edit futuri.

Vuoi contribuire (segnalare problemi, proposte o suggerimenti) alla nostra associazione?
Il nostro progetto Industria Aperta su GitLab ti permette di scriverci in modo pubblico e trasparente!