Cos’è la licenza EUPL e perché dovresti sapere della sua esistenza

Qualche mese fa nel mio progetto GH-License (strumento che dato un profilo GitHub o BitBucket verifica se i repository hanno le licenze) ho ricevuto una richiesta di supporto per la licenza EUPL.

Da amante dell’open source credevo di conoscerle tutte o almeno le più conosciute e questo nome includeva la sigla EU stupendomi della mia ignoranza su questo tema.

Mi sono documentato e quindi eccovi una spiegazione su questa licenza nata dalla Commissione Europea.

 

Partiamo da questa infografica (che mi ha ispirato questo articolo):

  • La licenza è distribuita in tutte le lingue dell’Unione Europea, tra cui l’Italiano
  • 15000 progetti la utilizzano
  • Compatibile con altre licenze open source

Analizziamo questi tre punti:

  • Si presenta come pdf da 6 pagine
  • Le licenze compatibili sono:
    • — GNU General Public License (GPL) v. 2, v. 3
      — GNU Affero General Public License (AGPL) v. 3
      — Open Software License (OSL) v. 2.1, v. 3.0
      — Eclipse Public License (EPL) v. 1.0
      — CeCILL v. 2.0, v. 2.1
      — Mozilla Public Licence (MPL) v. 2
      — GNU Lesser General Public Licence (LGPL) v. 2.1, v. 3
      — Creative Commons Attribution-ShareAlike v. 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0) per le opere diverse dal software
      — European Union Public Licence (EUPL) v. 1.1, v. 1.2
      — Québec Free and Open-Source Licence — Reciprocity (LiLiQ-R) or Strong Reciprocity (LiLiQ-R+).
  • La licenza si presenta come un documento giuridico di uso governativo
  • Anche se nata in Europa è una licenza che copre a livello mondiale
  • Disponibile una tabella comparativa sul sito ufficiale

Non essendo un giurista vediamo cosa dice in merito la Free Software Foundation di questa licenza:

    • La licenza impone un copyleft forte
    • Permette di cambiare la licenza nelle altre compatibili
    • Per la FSF non è compatibile con la GPL
    • Essendo compatibile con licenze copyleft debole (e la possibilità di cambiare la licenza verso queste) permette di avere effetti legali diversi non voluti dagli sviluppatori originali

Documentandomi su internet la licenza è nata per uniformare le varie leggi per il diritto d’autore fra tutti i membri e semplificare l’utilizzo dei software sviluppati dai vari stati tra i vari stati.

In parole povere un software con licenza EUPL sviluppato in Germania può essere usato senza problemi in Italia. Il può essere usato senza problema è riferito alle pubbliche amministrazioni che possono avere regolamenti e requisiti specifichi, in questo modo si possono aggirare gli ostacoli burocratici.

Ad oggi la licenza è ritenuta una licenza Open Source ufficiale secondo Open Source Initative quindi non è un duplicato e ne dà affidabilità.

Ad oggi quindi come usare questa licenza?

Da sviluppatore direi che se siamo un ente pubblico ci conviene rilasciare direttamente con la licenza EUPL altrimenti se si deve integrare un software con tale licenza di convertire il progetto in licenza GPL.

Questa soluzione è suggerita anche dalla guida d’uso in Italiano alla pagina 12.

Il consiglio quindi ad oggi è di lavorare con la licenza GPL per noi sviluppatori ma di conoscere questa licenza qualora fosse necessario pensare ad un progetto sovranazionale.

Vuoi contribuire (segnalare problemi, proposte o suggerimenti) alla nostra associazione?
Il nostro progetto Industria Aperta su GitLab ti permette di scriverci in modo pubblico e trasparente!